martedì 6 dicembre 2016

Una bella lettura di Baudelaire



Se andate a questo link potete ascoltare la poesia di Charles Baudelaire "Confessione" nella mia traduzione. Molto bello! Grazie a Antonio Musacchio.

domenica 23 ottobre 2016

VECCHIE POESIE

Quand'ero giovane scrivevo delle poesiole fra il serio e il faceto. Una volta me ne pubblicarono una su una rivista di letteratura, ma a me sembravano talmente di poche pretese che non ho mai pensato di fare "la poetessa". Non lo penso nemmeno ora, anzi. La poesia è una cosa seria. Però, a rileggerle, mi sembrano simpatiche abbastanza da condividerle su questo blog.

NOI POETI MINORI

Noi poeti minori
siamo fiori all'occhiello
di chi conosce il bello
siamo terra di passo
siamo terra feconda
il genio ci circonda
e non ci tocca.
Parlare ci è concesso
ma non tanto
da dare al mondo un canto.
Siamo un coro modesto
dal cui seme
germoglierà forse un poeta
e toccherà la meta
per noi tutti.
Pazienza! E intanto pensa
a sbarcare il lunario.
Mangiare è necessario.

sabato 13 febbraio 2016

"Confessione", dai Fiori del Male di Charles Baudelaire


Dopo molto tempo torno a pubblicare qualcosa su questo mio vecchio blog: una delle poesie di Baudelaire a cui ho lavorato in questi giorni, a colpi e colpetti di lima. 

La parola che più mi ha dato filo da torcere è stata quel "se pâme" della terzultima strofa. Mi sono resa conto che quel verbo strano, con molti significati diversi e apparentemente perfino contrastanti, è il vero cuore della poesia. Mi ha fatto diventar matta, alla fine ho scelto di tradurlo con "si consuma" per dare il senso della sfinitezza (se pâmer vuol dire anche svenire, venir meno, perdere le forze), ma anche il senso di sforzo, di emozione forte e a volte eccessiva. 

Ecco cosa ne è venuto fuori.


Una volta, una sola, mia cara e dolce donna,
Al mio il vostro braccio tornito
Si appoggiò (nel fondo oscuro del mio cuore
Quel ricordo non è impallidito).
Era tardi; e come una medaglia nuova
La luna piena si stagliava,
La solennità della notte come un fiume
Su Parigi assopita andava.
Lungo le case, sotto le porte di servizio,
Dei gatti furtivi passavano,
L’orecchio all’erta, oppure, come delle ombre care,
Piano piano ci accompagnavano.
Tutto d’un tratto, nella libera intimità
Sbocciata alla pallida luce,
Da voi, ricco e sonoro strumento, in cui non vibra
Che una gaiezza felice,
Da voi, chiara e gioiosa come una fanfara
In un mattino scintillante,
Una nota dolente, una nota bizzarra

Se ne uscì, sebbene esitante

Come una figlia grama, orrida, cupa, immonda,
Di cui  la famiglia arrossisca,
Che a lungo fosse stata, per nasconderla al mondo,
Rinchiusa in una segreta.
La vostra nota acuta cantava, povero angelo:
«Di nulla quaggiù si ha certezza,
E sempre si tradisce l’egoismo degli uomini,
Anche se attento s’imbelletta;
Duro mestiere è quello d’essere bella donna,
E quanto il lavoro è banale
Di chi danzando si consuma, fredda e folle,
In un sorriso artificiale;
Costruire sui cuori è una cosa ben sciocca;
Tutto cade, amore e beltà,
Fino a quando l’Oblio non li getta nel sacco
Per renderli all’Eternità!»
Ho spesso rievocato quella luna incantata,
Quel silenzio e quel languore,
E quella confidenza tremenda sussurrata
Al confessionale del cuore.



Une fois, une seule, aimable et douce femme,
À mon bras votre bras poli
S’appuya (sur le fond ténébreux de mon âme
Ce souvenir n’est point pâli);

Il était tard; ainsi qu’une médaille neuve
La pleine lune s’étalait,
Et la solennité de la nuit, comme un fleuve,
Sur Paris dormant ruisselait.

Et le long des maisons, sous les portes cochères,
Des chats passaient furtivement,
L’oreille au guet, ou bien, comme des ombres chères,
Nous accompagnaient lentement.

Tout à coup, au milieu de l’intimité libre
Eclose à la pâle clarté,
De vous, riche et sonore instrument où ne vibre
Que la radieuse gaieté,

De vous, claire et joyeuse ainsi qu’une fanfare
Dans le matin étincelant,
Une note plaintive, une note bizarre
S’échappa, tout en chancelant
Comme une enfant chétive, horrible, sombre, immonde,
Dont sa famille rougirait,
Et qu’elle aurait longtemps, pour la cacher au monde,
Dans un caveau mise au secret.

Pauvre ange, elle chantait, votre note criarde:
«Que rien ici-bas n’est certain,
Et que toujours, avec quelque soin qu’il se farde,
Se trahit l’égoïsme humain;

Que c’est un dur métier que d’être belle femme,
Et que c’est le travail banal
De la danseuse folle et froide qui se pâme
Dans son sourire machinal;

Que bâtir sur les cœurs est une chose sotte;
Que tout craque, amour et beauté,
Jusqu’à ce que l’Oubli les jette dans sa hotte
Pour les rendre à l’Eternité!»

J’ai souvent évoqué cette lune enchantée,
Ce silence et cette langueur,
Et cette confidence horrible chuchotée
Au confessionnal du cœur.

domenica 16 febbraio 2014

La pigra luna di Baudelaire

Una poesia di Charles Baudelaire che mi ha sempre intrigato. Molto sensuale e lieve, con la giusta dose di malinconia… ci vorrebbe per sottofondo un notturno di Chopin.
Sempre nella mia traduzione.

Tristezze della luna


Più pigramente sogna, questa sera, la luna;
E come una bellezza su innumeri cuscini,
Che con mano distratta e leggera carezza
Prima di addormentarsi il contorno dei seni,

Sul dorso satinato delle molli valanghe,
Morente, ella si dà a lunghi sfinimenti,
E passeggia lo sguardo sulle visioni bianche
Che nell’azzurro salgono come infiorescenze.

Quando sul globo, a volte, nel suo languore ozioso,
Ella lascia filare una lacrima furtiva,
Un poeta pietoso, e nemico del sonno,

Nel cavo della mano prende la goccia pallida
Dai riflessi iridati di frammento di opale,
E la cela, nel cuore, agli sguardi del sole.



Tristesses de la Lune


Ce soir, la lune rêve avec plus de paresse;
Ainsi qu’une beauté, sur de nombreux coussins,
Qui d’une main distraite et légère caresse
Avant de s’endormir le contour de ses seins,

Sur le dos satiné des molles avalanches,
Mourante, elle se livre aux longues pâmoisons,
Et promène ses yeux sur les visions blanches
Qui montent dans l’azur comme des floraisons.

Quand parfois sur ce globe, en sa langueur oisive,
Elle laisse filer une larme furtive,
Un poëte pieux, ennemi du sommeil,

Dans le creux de sa main prend cette larme pâle,
Aux reflets irisés comme un fragment d’opale,
Et la met dans son cœur loin des yeux du soleil.